f

lunedì 23 ottobre 2017

Confessioni: La mia crisi annuale sul mondo dei blog Riflessioni a cuore spalancato

Iniziamo con una premessa: io scrivo sul blog per passione, per condividere la mia passione per la lettura, di libri innanzitutto, di manga e quant'altro poi. Qualcuno dice che il blog deve trattare degli argomenti che tu decidi, ma non la tua vita privata ma io non sono d'accordo; insomma diamo la nostra opinione su libri, film, musica, trucchi e quant'altro, perché non dovremmo parlare anche dei nostri problemi quotidiani, sopratutto quando questi riguardano anche quello che compare sul nostro blog? Io ho sempre avvisato quando ci sarebbero stati grandi cambiamenti sul blog e anche adesso vorrei condividere con voi alcune cose, anzi una cosa in particolare che mi succede ormai da anni, ossia la mia crisi sul mondo dei blog.

Non è una crisi momentaneamente, non è patologica (almeno spero!) ma ho notato che in questo periodo, ossia nel periodo appena precedente e appena seguente all'anniversario del mio ingresso della blogosfera (avvenuto a metà novembre) mi ritrovo molto a dover pensare a me stessa, al mio blog, al fatto che io ci metto tanto impegno e tempo nello scrivere, nel fare i post, condividerli e autopromuovermi, ma non vedo risultati. È così dall'inizio, non dico che ho avuto un momento di gloria e adesso c'è una decadenza o altre cose. Io non ho aperto il blog con l'intento di diventare famosa o cosa simili; ovviamente guardavo ai grandi blog che un tempo amavo e seguivo assiduamente, mi sarebbe piaciuto vedere persone che mostravano affetto e rispetto per il lavoro che facevano queste persone farlo anche nei miei confronti, ricevere un po' della loro "approvazione" verso quello che io scrivevo, ma non cercavo solo la fama. Volevo condividere la mia opinione sui libri che leggevo, non limitandola a Facebook o Goodreads: il blog era lo strumento perfetto per quello che volevo, per raggiungere un pubblico più ampio che andava al di là di amici e conoscenti.

Ma ben presto ho compreso le diverse meccaniche del blog, del fatto che o parli delle ultime uscite o non va bene; o dai notizie esclusive (prese spesso attraverso canali misteriosi o di preferenza, per non parlare di furti veri e propri dalle case editrici e vi assicuro che è successo anche questo) o non dici nulla di nuovo e interessante; o fai recensioni cattive e offensive o la gente non ti legge. E non nego che all'inizio ho cercato di adeguarmi alla massa, di fare quello che la gente voleva che io facessi e scrivessi. All'epoca non collaboravo con nessuna casa editrice, compravo io tutti i libri che recensivo e stavo per cadere nel tranello di comprare un libro che non volevo né avere né leggere perché era appena uscito e avrebbe fatto "notizia", ma i dubbi mi hanno colto di sorpresa. Come faccio sempre quando mi sento nel dubbio e ho bisogno di consiglio e supporto, chiamai mia mamma e piangendo (per strada, poco fuori dalla libreria) le spiegai a grandi linee il mio dubbio "esistenziale"; lei ha capito poco, lo so - il blog è un mondo per lei sconosciuto e non posso spiegarle tutte le dinamiche che ci sono, spiegarle perché di questo perché di quell'altro, ma mi disse una cosa bellissima, nella sua esasperazione di sentir piangere sua figlia: "Se questa cosa (ossia il blog) ti fa stare male, allora lascia perdere!"

mercoledì 18 ottobre 2017

Italians Do It Better #3 Sage Marlowe (tradotto da Phoenix Skyler), Manuela Cinti, Monika M.


Buongiorno lettori!
Bentornati a questa rubrica che vuole sintetizzare in breve (ma spero in maniera efficace) le richieste di scrittori che mi hanno chiesto di parlare dei loro romanzi. A dire il vero per il primo romanzo mi ha contattato il traduttore, Phoenix Skyler, chiedendomi di parlare di Un bugiardo di talento di Sage Marlowe, un nuovo capitolo per la serie Romeo & Julian; passiamo poi a Manuela Cinti e al suo breve racconto, La vita in un ring, dove i nostri protagonisti combattano in quel ring che è la vita stessa. E delle difficoltà  e pericolosità di un amore non ricambiato sono raccontate da Monika M. in Come un'isola.
Tre romanzi alquanto brevi ma sicuramente intensi dei quali potete scoprire di più continuando la lettura di questo post :)



Titolo: Un bugiardo di talento
Serie: Romeo & Julian #2
Autore: Sage Marlowe
Traduttore: Phoenix Skyler
Casa editrice: Me and the Muse Publishing
Data di uscita: 4 Dicembre 2015
Pagine: 113
Potete acquistarlo qui


L’agente dell’FBI Julian Harris si rende conto che, quando si tratta del suo nuovo consulente Romeo, stare vicino a qualcuno e conoscerlo sono due cose completamente diverse.
Due settimane dopo l’inizio del loro nuovo rapporto lavorativo, Romeo e Julian affrontano il primo caso insieme. Un dipinto rubato non solo richiede le competenze dell’ex ladro di opere d’arte Romeo, ma dà anche l’opportunità a Julian di apprendere di più sull’uomo con cui condivide il letto, sebbene non gli abbia ancora rivelato il suo vero nome. Mentre si avvicinano alla risoluzione del caso, Julian si rende conto che Romeo ha molti più segreti di quanto pensasse, e che potrebbe anche sfruttare il suo nuovo status all’interno della squadra dell’FBI per perseguire i propri obiettivi.
Ancora una volta, Julian segue un percorso ricco di inaspettati colpi di scena nella sua ricerca della vera identità di Romeo: ma come mai ogni volta che si avvicina alla soluzione, la sua stessa vita è in pericolo?

giovedì 12 ottobre 2017

Manga's Corner #13 Settembre 2017

Buongiorno lettori!
Un nuovo mese inizia e quindi ci troviamo a ricapitolare le letture mangose del mese precedente! Troverete come sempre i mie pareri sulle serie manga che ho letto (anche di più volumi perché li ho recuperati) e poi ho un paio di nuovi amici che mi stanno particolarmente appassionando e che voglio farvi conoscere ;)
E voi invece? Rimanete ancorati alle vostre vecchie e care conoscenze o state conoscendo nuove serie imprendibili? Fatemelo sapere nei commenti!



Noragami 5 di Adachitoka
Il volume scorso abbiamo fatto la conoscenza del pericoloso Kagaha che adesso mette in atto il suo piano di uccidere la dea Bishamon con "l'aiuto" dell'ignaro Yato, e per farlo sfrutterà il legame del nostro dio pasticcione preferito con l'umana Hiyori. Un volume pieno di sorprese, come ad esempio il motivo per cui Bishamon odia Yato e viene dato risalto ad un personaggio che mi ha subito colpito e mi piace molto, ossia Kazuma. Non mi aspettavo che questa serie mi prendesse e sorprendesse così tanto, ma sono felice di ciò ed è sempre un piacere appassionarmi ad ogni volume...



Le situazioni di lui & lei 3 di Masami Tsuda
Iniziano i problemi per la coppia Yukino- Arima: gli esami sono arrivati e i risultati non sono particolarmente promettenti e gli insegnati gli richiamano. I due ragazzi uniranno le forze per combattere il giudizio negativo degli adulti supportati dalle loro famiglie che vedono positivamente la loro relazione. Mi sta piacendo molto questa commedia scolastica divertente e romantica. Ci si affeziona facilmente ai suoi personaggi e si vuole che siano felici quindi è un piacere poter continuare a leggere di loro :)



Le situazioni di lui & lei 4 di Masami Tsuda
In questo volume vediamo come la nostra protagonista Yukino debba affrontare ben due problemi: le sue compagne di classe che guidate da Maho non le parlano più, e Tsubasa, una nuova affascinante ragazza che è innamorata di Arima. Mi piace come la ragazza reagisce con furbizia e calma davanti ad entrambe le situazioni e mi piace come finisce il volume con una nuova ombra sul suo rapporto con Arima. Avevo solo sentito nominare questa serie un po' vecchia e devo ammettere che mi sta piacendo, perché il rapporto tra i due ragazzi è molto dolce e reale. Ah, per chi volesse saperlo, nel volume c'è un episodio autoconclusivo dell'autrice dal sapore fantascientifico che non mi ha fatto impazzire ma nella sua brevità è carino e apprezzabile.



Le situazioni di lui & lei 5 di Manami Tsuda
(È l'ultimo giuro XD) Un volume un po' strano perché i protagonisti non sono Yukino e Arima: nella prima parte conosciamo meglio Tsubasa e i suoi problemi con il padre in procinto di risposarsi, un'occasione che permetterà a Yukino di conoscere meglio la ragazza. Poi sul finale scopriamo il retroscena di come i genitori di Yukino si sono conosciuti e innamorati, mentre i dubbi si insinuano nella ragazza sul conoscere davvero Arima... Mi è piaciuto questo volume alquanto corale, ma comunque bello e divertente pur trattando anche dei temi attuali, nonostante sia stato pubblicato quasi vent'anni fa ormai. Questo però dimostra come un'opera seppur distante nel tempo si possa comunque apprezzare e porti anche dei messaggi belli e importanti.



Bungo stray dogs 4 di Kafka Asagiri (storia) e Sango Harukawa (disegni)
Ogni volume di questa serie è una nuova scoperta: mi è molto piaciuto il fatto che dall'ultimo volume si siano allargati gli orizzonti e che adesso ci siano dei nemici che prendono spunto da scrittori occidentali. Davvero una bella trovata! Un punto di forza è anche il fatto che scopriamo qualcosa di nuovo anche su altri personaggi già comparsi ma poco presenti, come ad esempio in questo volume Higuchi e il temibile Akutagawa (si, sono dei cattivi ma hanno indubbiamente un ruolo importante). La mia parte preferita è stata sicuramente il finale con la sorpresona del vero capo della Port Mafia che viene rivelato. Fantastico! Datemi il volume seguente al più presto!



Murcielago 3 di Yoshimurakana
Continuano le avventure della criminale Kuroko che sta indagando su un pericoloso serial killer che toglie la faccia alla sue vittime e per farlo ne rapisce la figlia, lasciandola alla sua compagna di crimine Hinako. Ma la bambina nasconde un segreto davvero temibile e inaspettato... Una serie che mischia benissimo horror e umorismo: Kuroko mi fa morire dal ridere con i suoi comportamenti e anche Hinako dimostra qui di non essere carina e coccolosa ma di nascondere un lato più oscuro. Mi piace come il volume si apre con delle pagine a colori e anche il finale con l'inizio di un nuovo mistero per la nostra criminale preferita... Voglio il seguito perché mi diverto troppo a leggere questa serie che narra una storia davvero originale.



Assasination Classroom 21 (di 21) di Yusei Matsui
La fine è giunta per la classe assassina ed è davvero triste. Certo rimane l'umorismo di fondo che ha sempre caratterizzato questa serie, ma ci sono momenti seri che fanno riflettere e il messaggio che Korosensei ha lasciato ai suoi alunni è molto importante. Bella la storia extra che ha per protagonista Korosensei e una banda di criminali, e poi c'è un episodio autoconclusivo dell'autore che non è perfetto ma piacevole. Arrivati alla fine di questa serie è bene farne un bilancio e il mio è davvero positivo perché con molta semplicità trasmette un bel messaggio non solo ai ragazzi ma secondo me anche agli adulti, in particolar modo a chi insegna che dovrebbe sentirsi maggiormente responsabile del suo ruolo di educatore non solo nelle diverse materie scolastiche ma anche nella vita e nel comportamento dei ragazzi verso loro stessi e gli altri.

lunedì 9 ottobre 2017

Release Blitz "Il protetto degli inferi"di Chiara Cilli

Buongiorno lettori!
Esce oggi un nuovo romanzo di Chiara Cilli, ossia Il Protetto degli Inferi, un cross-over della serie urban fantasy La guerra degli Dei! In questo romanzo, narrato dal misterioso Geass, scopriremo tutti i retroscena che lo vedono protagonista, dall'incontro con la Dea alla quale è stato promesso, allo scontro con Calensulle acque tra la Nova Terra e l'Obscūra Terra!





Titolo: Il Protetto degli Inferi
Serie: La guerra degli Dei #5
Autore: Chiara Cilli
Data di uscita: 9 ottobre 2017
Genere: Dark Urban Fantasy
Pagine: 274
Prezzo: € 2.99 (ebook); € 9.90 (cartaceo)


Ero un ragazzo qualunque, avevo una vita normale,
prima di risvegliarmi in una caverna sui Montes.
Prima di incrociare i suoi occhi.
Ora appartengo a colei che può uccidere con un solo sguardo.
A colei che credevo fosse solo una leggenda.
Mi sbagliavo.
Ho una missione da portare a termine,
e non importa se il mio cuore si spezzerà in due.
Io non fallirò.
Il mio nome è Geass.
E sono il Protetto della Regina degli Inferi.

venerdì 6 ottobre 2017

Wrap-Up #18 Settembre 2017

Buongiorno lettori!
Ho poche letture questo settembre, accidenti! Me ne sono resa conto facendo questo post! Ma capite che ho letto un romanzo di più di 800 pagine quindi è comprensibile. Per il resto sono contenta anche delle mie recensioni, quelle pubblicate sul blog perché sono stati dei bei romanzi, che mi hanno preso e appassionato. Qui le trovate che potete leggerle o rileggerle :)
E come sempre ditemi le vostre letture del mese di settembre commentando con i vostri titoli preferiti, con i link dei vostri Wrap-Up e quant'altro, che sono curiosa di scoprirli ;)



Crash di Barbara Poscolieri
È difficile trovare romanzi di narrativa che raccontano di personaggi disabili ma Crash tratta proprio di questo: il protagonista Alessandro dopo un incidente si ritrova senza gambe ma con la voglia di tornare in pista a gareggiare con la sua auto. Un romanzo non facile da scrivere e da parlarne (almeno da un certo punto di vista), ma sicuramente piacevole da leggere proprio per la sua novità già partendo dalla trama ma anche per la sua narrazione molto scorrevole. Mi piace come venga data molta importanza alla psicologia di Alessandro e vengano espresse tutte le sue emozioni, i suoi dubbi e anche il suo dolore mentre cerca di tornare ad essere quello che è, un pilota. Forse il suo personaggio è fin troppo caratterizzato a scapito degli altri personaggi secondari, in particolare mi è dispiaciuto non poterne leggere di più su Federica, la persona che più di tutte lo appoggia e lo supporta e della quale sappiamo poco dei sentimenti e delle emozioni che ha provato dal momento dell'incidente e lungo tutto il percorso di riabilitazione di Alessandro.
4 stelle



La distanza fra me e te di Lucrezia Scali
Il romanzo ha molti punti che sono o vogliono andare contro i soliti cliché delle storie d'amore e del genere romance e per gran parte ci riesce, per poi caderci dietro in molte piccole situazioni, sopratutto sul finale. Inoltre l'evoluzione dei personaggi all'inizio è lineare e calma per poi diventare alquanto confusionaria nella parte finale, affrettando le cose e rendendole forse un po' scontate e non in linea con quanto i personaggi dicevano poco prima. La parte finale è quella che mi convinto di meno perché tutto è un po' affrettato e semplificato in un certo senso, e il finale per quanto sia apprezzabile perché fugge dai soliti stereotipi non mi è piaciuto perché troppo oscuro, troppo poco chiaro (qualcuno potrebbe dire il contrario ma io appartengo alla categoria "leggere per credere") e che rovina anche tutto quello che è avvenuto prima, perché tutti i cambiamenti dei personaggi non si vedono. Mi dispiace molto perché la storia inizialmente mi ha molto preso e appassionato ma nella seconda parte non più e il finale mi ha dato il colpo di grazia rovinando il resto.
3,5 stelle



Volevo essere la tua ragazza di Meredith Russo
(Un estratto della mia recensione in anteprima!)
Una storia sofferta e triste, con molta tensione in molte scene, ma credo che possa essere uno spunto per chi prova le stesse emozioni e sentimenti di Amanda a dare una svolta alla loro vita e non sentirsi abbandonati: l'autrice anche lei è transgender e dichiara all'inizio che il suo intento è proprio quello di narrare una storia che forse cade in alcuni stereotipi ma allo stesso tempo può essere di aiuto a capire almeno in parte il mondo trangender e quanto sia difficile, complicato e doloroso vivere in un corpo che non ci appartenete, che non sentiamo nostro. A mio parere c'è riuscita: il romanzo è bello e appassionante, ci fa appassionare alla storia di Amanda e tifare per lei nei momenti di difficoltà; ci fa capire molto sulle persone transgender, forse semplificando alcune cose, ma narrandone solo di vere e innegabili. L'unica pecca che ha il romanzo è la velocità del finale che per me è una cosa sacra: il finale deve essere completo ecco.
4,5 stelle



Dopo ti te di Jojo Moyes
(Recensione con SPOILER)
Personalmente io sono convinta che Io prima di te meritava un seguito e infatti Dopo di te mi è piaciuto proprio perché narra la vita di Louisa dopo la morte del suo amato Will. Se il finale del primo romanzo ci aveva dato speranza sulla ragazza che aveva scoperto la sua strada in questo libro scopriamo che non è così e che non riesce ad andare avanti senza Will. Ma il destino porterà letteralmente alla sua porta Lily, la figlia di Will, avuta da una relazione durante gli anni dell'università, una ragazzina in cerca di una famiglia, di un padre che la ama e la comprenda. Louisa prenderà molto a cuore Lily e la aiuterà a riconnettersi con i genitori di Will, mentre indirettamente la stessa Lily aiuterà Louisa a capire quello che vuole dalla vita, a darci una svolta, proprio come Will sperava per lei. Mi è molto piaciuto questo romanzo, mi ha preso ed emozionato molto e mi piace come si mostra ancora una volta la complessità del personaggio di Louisa, umano in tutto e per tutto (forse in maniera un po' tragica certo, ma non si può negare che i suoi comportamenti e le sue emozioni siano reali). Mi ha molto colpito il finale che rimane nuovamente un po' aperto, mostrando Louisa che decide di partire e di fare quello che vuole davvero e con mia sorpresa poco dopo ho scoperto che uscirà un terzo capitolo dedicato alla ragazza e ne sono curiosa; meccanismi di marketing a parte io voglio ancora leggere di Louisa e sperare in un lieto fine per lei definito (e anche un nuovo amore, se lo merita, no?)
4 stelle 

lunedì 2 ottobre 2017

Recensione in anteprima: "The Ghostwriter" di Alessandra Torre

Buongiorno lettori!
Ho mai parlato di quanto adoro Alessandra Torre? Credo di no, ma in ogni caso rimedio oggi parlandovi della sua ultima uscita inglese, un romanzo davvero unico sia come temi che come narrazione e che mi ha preso dalla prima pagina. Venite a scoprire tutto su The Ghostwriter in questa mia recensione ;)


Titolo: The Ghostwriter
Autore: Alessandra Torre
Casa editrice: Self-publish 
Data di uscita: 2 ottobre 2017
Genere: Mystery/suspence, contemporary fiction
Pagine: 316
Prezzo: 3,39 (ebook), 13,07 (cartaceo)

(Tradotta da me, se prendete siete pregati di citare.)

Ho tre mesi per scrivere l'ultimo libro della mia vita. Tre mesi per confessare i dettagli di quel giorno e di come ha cambiato tutto per me.
Il mio nome è Helena Ross. Ho scritto quindici romanzi romance, dieci dei quali sono diventati bestseller internazionali. Ma questo non è un romanzo rosa, non c'è alcun lieto fine. Questo romanzo contiene solo la verità dalla quale sono scappata per quattro anni. La verità, che ho tenuto nascosta dalla polizia, dalle persone che amo, dal mondo.
Il libro finale?
E' la mia confessione.

Questo non è un libro romance. E' un contemporary fiction, pieno di suspence. Parla di una famosa autrice romance e dell'oscuro segreto che tiene. 


I have three months to write the last book of my life. Three months to confess the details of that day, and how it changed everything for me. 
My name is Helena Ross. I’ve written fifteen romance novels, ten of which have become international bestsellers. But this one isn't a romance, no Happily Ever After in place. This novel holds only the truth, which I have run away from for four years. The truth, which I have hidden from the police, from my loved ones, from the world. 
This final book?
It's my confession.

This book is not a romance. It is contemporary fiction, but very suspenseful in nature. It is about a famous romance author and a dark secret she keeps.


Helena ha scoperto di avere una malattia terminale che le lascia solo tre mesi di vita. Cosa fare in quei tre mesi che le rimangono? Beh, in tutta la sua vita non ha fatto altro che scrivere un romanzo dietro l'altro e quindi scriverà. Questo però non sarà il suo solito romanzo: questo romanzo conterrà la sua confessione, la verità su quel giorno fatidico e che da anni la tormenta. Una verità che ha tenuto nascosta a tutti, che l'ha isolata sia da se stessa che da tutti gli altri. Ma il dolore della malattia, la difficoltà del compito che si è prefissata, il tempo che scorre inevitabilmente porta Helena alla scelta di avvalersi di un ghostwriter che la possa aiutare nella scrittura. 

Sa già a chi rivolgersi: Marka Vantly, la sua rivale, una scrittrice di romanzi erotici odiosa e antipatica, ma che ha uno stile di scrittura che Helena (suo malgrado) apprezza e trova che sia perfetto per raccontare la sua storia. Il suo incontro con Marka è sconvolgente, non si aspetta di trovarsi difronte ad una persona totalmente diversa da quella che traspare dalle sue parole e dai suoi romanzi, ma è un ottimo aiuto per Helena. Ora non rimane altro che raccontare il segreto che si porta dietro da quattro anni e che le ha fatto perdere la vita perfetta che aveva... 



venerdì 29 settembre 2017

Il Veneto Legge: 10 libri ambientati a Venezia

Buongiorno lettori!
Se mi seguite sapete che studio a Venezia, e cavolo sono ormai 5 anni che passo 9 mesi dell'anno su 12 in Laguna! Il Veneto è entrato nel mio cuore, ho conosciuto tante persone stupende e, credeteci o meno, i libri sono una parte importantissima della mia amicizia con queste persone. E quindi ho accolto con molto piacere l'iniziativa Il Veneto Legge che vuole promuovere la lettura e legarla in particolare a questo territorio. Insieme ad altre blogger venete abbiamo deciso di fare dei post dedicati ad autori veneti, a libri ambientati in Veneto e tanto altro e vi invito a cercare nella blogosfera questi post (ve li condividerò sulla pagina Facebook del blog!) e a partecipare alle iniziative di Il Veneto legge che potete trovare a questo link.
Quindi di cosa vi parlerò mai in questo post se non di 10 libri ambientati a Venezia? Quasi scontato, no ;)? Però credo di averne trovati di interessanti, da best sellers a classici, qualche piccola perla o comquneu titoli non troppo conosciuti che ci vengono subito in mente. Ah, in alcuni casi non tutto il romanzo è ambientato a Venezia ma le parti legate a questa città sono importanti se non fondamentali per lo sviluppo della storia. E adesso iniziamo!



Inferno di Dan Brown
Scontato? No affatto a mio modesto parere, perché parlando di Inferno tutti pensano subito a Firenze, perché è dalla città fiorentina che parte la nuova avventura di Robert Langdon, ma se avete letto il libro (o se avete visto il film perché il libro è troppo grande) sapete che il nostro simbolista preferito deve fare una capatina in Laguna per risolvere il mistero legato a Dante, al suo Inferno e ad un'arma chimica pericolosissima per l'umanità. Un salto a Venezia per aggiungere un altro importante tassello alla risoluzione del caso e come Dan Brown ci abitua in tutti i suoi romanzi, a scoprire qualcosa di inedito sulla città, sui suoi monumenti che ci stanno letteralmente sotto gli occhi ma non ci rendiamo conto della loro importanza e dei loro segreti...



Trilogia Dark Heaven di Bianca Leoni Capello
(composta da La carezza dell'angelo, L'abbraccio dell'angelo e Il bacio proibito)
Una trilogia paranormal di un duo di autrici venete che vede per protagonista Virginia, una comune adolescente che però un giorno incontra l'affascinate e pericoloso Damien e da lì iniziano le visioni, gli incubi e il mistero legato a Damien a cosa sia in realtà è al suo legame con Virginia. Quella narrata in Dark Heaven è una Venezia alquanto oscura: la città viene raccontata da chi ci vive da sempre e parla di angoli anche poco turistici ma bellissimi; poi di notte il mistero e il fascino si infittiscono perché Venezia viene abitata da forze oscure antiche e pericolose delle quali Virginia farà conoscenza...



La spia del mare di Virginia De Winter
Un romanzo storico accurato nella descrizione della città e di come si viveva nel 1700 (credetemi, ho parlato con la beta del romanzo che è una Veneziana DOGC), una storia dove sono spie e misteri a farla da padrone ed è innegabile che con un setting come Venezia non può essere altrimenti. La spia del titolo è l'intrigante Cassian, disposto a tutto per l'amore della sua Cassandra, che si troverà a dover collaborare con altre spie per poter salvare la sua amata e dovrà affrontare molti pericoli. Romanzo con grande accuratezza storica ma con un pizzico di paranormal che non guasta mai e rende la storia ancora più intrigante e che vi mostra come era vivere a Venezia in un epoca che adesso è ricordata solo dalla maschere e dai costumi di carnevale...



Irene Cao esprime il suo amore verso Venezia nella sua trilogia più famosa, piena di erotismo e di amore, ma che guarda anche alla città dove è ambientata la storia di Elena e dei suoi spasimanti, Filippo e Leonardo. Per quanto la storia si sposti anche a Roma e a Stromboli, Venezia è sempre presente e viene narrata con molta cura e attenzione: è una Venezia moderna che incontriamo tutti i giorni, una Venezia quotidiana che fa da cornice ad una storia di amore, di scoperta di se stessi, di cibo e arte.